Mutui bancari: calano ancora i tassi di interesse

di | 5 Giugno 2016

Gli effetti della cura di Mario Draghi sono ormai sensibili in varie parti del nostro paese. I continui provvedimenti tesi ad aumentare la liquidità presente nel vecchio continente sta portando ad un aumento dei prestiti e dei contratti di mutuo. E’ il continuo calo dei tassi di interesse a portare al rialzo l’accensione di nuovi contratti di mutuo. Si tratta di un fenomeno che sta toccando da vicino anche l’Italia. Ormai la tendenza sembra essere quella: la prosecuzione della discesa dei tassi di interesse porta al rialzo il mercato dei prestiti e dei mutui bancari.mutui

Proprio gli istituti di credito, secondo le ultime analisi, sembrano preferire forme di finanziamento rivolte essenzialmente alle famiglie rispetto al settore produttivo. Il sistema delle piccole e medie imprese risulta ancora notevolmente penalizzato dal sistema del credito che stenta a fidarsi delle tessuto di piccole e media imprese del nostro paese, già pesantemente penalizzato negli anni dalla pesante crisi economica e finanziaria che ha colpito l’Italia. Aumentano quindi gli impieghi come i mutui, i prestiti ed altre forma di finanziamento. Si tratta di un valore che viene spinto soprattutto per il credito concesso alle famiglie, in netto aumento.

Proprio il settore degli impieghi ai nuclei familiari, come i mutui, risultano tra i più favoriti dalla nuova congiuntura economico finanziaria. E’ la continua diminuzione dei prezzi del settore  immobiliare a favorire la crescita dei soggetti che hanno deciso di comprare una nuova casa. Un mercato immobiliare che si sta riprendendo dalle profondi paludi degli anni scorsi sta spingendo, quindi, il settore dei finanziamento per l’acquisto di nuovi alloggi. Una serie di miglioramenti che quindi stanno innescando un processo virtuoso che, anche se timidamente, sta garantendo un maggiore movimento di liquidità. Ma se il segmento delle famiglia, come detto, sta ricevendo notevoli benefici dalle congiunture del mercato, le imprese continuano a soffrire mentre il settore delle sofferenze, per ora rimane quasi del tutto stabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.