Cosa sono i diamanti finanziari

di | 5 Novembre 2014

L’investimento in diamanti finanziari è una scelta che viene sempre più presa in considerazione da chi necessita di un investimento di valore ma che non sia soggetto alle forti svalutazioni del mercato. Ma cosa sono in dettaglio i diamanti finanziari? I diamanti finanziari sono diamanti a tutti gli effetti, ma il loro scopo non è quello di essere utilizzati per la creazione di gioielli (non vengono quindi incastonati) o per l’utilizzo industriale.

Diamanti

Queste pietre preziose, dopo l’estrazione e le fasi di lavorazione necessarie per esaltarne le caratteristiche, vengono racchiuse in contenitori sigillati trasparenti, che permettono al tempo stesso di verificarne il contenuto, senza che esso possa essere però sostituito o manomesso. I diamanti finanziari sono solitamente accompagnati da un certificato valido internazionalmente che ne certifica l’autenticità e le caratteristiche. Sono presenti diversi istituti di certificazione, ma quelli più noti sono quelli ottenibili dall’Istituto Gemmologico Internazionale (IGI) o dall’Alto Consiglio per i Diamanti (HRD).

Essi sono una forma di investimento alternativa rispetto ad altri beni immobili o a titoli e prodotti valutati dalle borse, in quanto presentano una minore oscillazione rispetto agli andamenti dei mercati mondiali. Attualmente l’investimento in diamanti finanziari viene preferito rispetto ad altri prodotti proprio perchè presenta un prezzo in ascesa, in controtendenza con quanto avviene invece per altri tipi di investimenti, soggetti spesso ai destini finanziari degli stati mondiali.

I diamanti finanziari hanno un prezzo che varia a seconda di quanto stabilito da un listino denominato Rapaport, le cui valutazioni sono internazionalmente riconosciute, anche se non esiste un indice ufficiale come avviene invece per l’oro. Il listino non è quindi un listino di vendita, ma presenta un’indicazione della quale i grossisti e tutti coloro che trattano in diamanti finanziari tengono conto. La valutazione dei diamanti finanziari tiene conto naturalmente anche delle caratteristiche di ogni pietra, con particolare attenzione a quelle che vengono definite le quattro C, cioè il taglio (cut), la purezza (clarity), il colore (color) ed i carati (carat).

Il prezzo del diamante da investimento è determinato, oltre che dai quattro fattori elencati, anche dalla finitura e dalle proporzioni della pietra, che concorrono ad aumentarne il valore. Per quanto riguarda i diamanti da investimento, a differenza di quelli destinati all’incastonatura, non è rilevante la fluorescenza, dei quali le pietre devono essere prive. Il taglio più diffuso per i diamanti da investimento finanziario è quello tondo (a brillante), ma non mancano altri tipi di tagli da considerarsi comunque di altissimo valore. Per ulteriori informazioni e dettagli su come investire in diamanti visitate il sito www.idclondon.net.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.