Prestiti alle imprese, una luce in fondo al tunnel?

di | 19 Agosto 2015

Sono ancora centinaia i miliardi di dollari che servirebbero per tornare al livello del 2007, ma la risalita dei prestiti nel corso del 2015 fa ben sperare. Ma la situazione è ancora in continuo mutamento e sono ancora tanti i segnali, anche contrastanti, che emergono dai dati del credito alle imprese nel corso del 2015. L’aspetto che lascia ben sperare gli analisti è la quota di erogazione che gli istituti di credito hanno concesso alle imprese. Un significativo aumento che ha già avuto inizio nel mese di settembre del 2014, ma che sta notevolmente accelerando nel corso degli ultimi mesi.

Come investire cento euro in borsa

I dati che si riferiscono ad un periodo che va fino al mese di giugno di quest’anno, mostrano come il reale volume di prestiti erogati siano in totale di oltre 224 miliardi di euro. Una quota che supera quella registrata del corso dello stesso periodo del 2014. L’aumento registrato si traduce in una quota percentuale del 18%, una situazione che fa ben sperare gli operatori economici che possono guardare all’immediato futuro con maggiore ottimismo. Ad impressionare gli analisti è soprattutto il deciso cambio di rotta che si è registrato rispetto ad un continuo crollo durato ben sei anni che non prometteva nulla di buono per l’economia del Bel Paese e non solo. 

Per rendersi effettivamente conto della “stretta” effettuata dagli istituti di credito fino a pochi mesi fa basta analizzare i dati sulle erogazione dei prestiti che nel 2008 erano in totale 318 miliardi per poi passare, nel giro di meno di anni, a quota 189 miliardi. Un vero e proprio tracollo che è risultato fatale a molte aziende in giro per il mondo che si sono viste chiudere i rubinetti in un periodo davvero critico per l’economia globale. I dati, per ora, sono incoraggianti e le richieste di credito continuano ad aumentare, soprattutto per i prestiti a breve scadenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.