Esodati, si va verso la soluzione del problema?

di | 25 Settembre 2015

Ormai la soluzione per il problema degli esodati potrebbe essere davvero a portata di mano. A annunciarlo è lo stesso ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan che, mai come ora, è apparso chiaro. Una tesi che è stata riproposta dallo stesso Ministro del Lavoro Giuliano Poletti  che insieme stanno finalmente operando per giungere ad una soluzione condivisa e che possa rispondere alle aspettative di rispetto dei conti e dei lavoratori che aspettano con estrema insistenza ad una soluzione di un problema che si trascina ormai da anni. La volontà sembra quindi quella di giungere ad un giusto compromesso. Ora l’intero Governo sta operando per tentare di trovare le coperture che possano garantire la copertura per un provvedimento che possa andare incontro alle esigenze dei lavoratori esodati. Le risorse, come spiegano alcuni esponenti della maggioranza di governo, sono disponibili e accertate.

esodati

Anche nel caso, estremamente probabile, che i risparmi siano del tutto insufficienti per coprire gli esodati, ci si rivolgerà ad intervento di salvaguardia che potrà garantire il recupero delle economie accertate per gli esercizi pregressi. Insomma il Ministero sembra confermare che nessun tipo di risorsa sia stata stanziata per gli esodati nel corso degli anni scorsi e che quindi per arrivare ad una risoluzione del problema bisognerà realizzare una norma che autorizzi la spesa. Le risorse saranno stanziate nel rigoroso rispetto dei conti del bilancio dello Stato così da evitare eventuali richiami da parte di Bruxelles. 

La questione è diventata ormai una dei temi più scottanti per la maggioranza di Governo, impegnata a trovare un tipo di soluzione che possa venire incontro a delle aspettative che, come spiega lo stesso ministro, “sono del tutto deteriorate“. Il tema dei conti, naturalmente, sarà all’attenzione dei due Ministeri insieme ai tecnici dell’Inps. Altri nodi riguardano la questione di Opzione Donna e lo spinoso tema della flessibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.